Conferenza dibattito – Master universitario di I livello in Lean Manufacturing (MULM) – Uni Trieste

Conferenza dibattito – Master universitario di I livello in Lean Manufacturing (MULM) – Uni Trieste

Ripensare la Leadership, guardare oltre l’orizzonte
Conferenza dibattito per la conclusione del master

Dove: L’appuntamento è in Aula S1 presso il Consorzio di Pordenone per la Formazione Superiore gi Studi Universitari e la Ricerca – Via Prasecco 3/A Pordenone
Quando: alle ore 15.00 di Venerdì 2 luglio 2010 e termine previsto alle ore 18.00

Intervento introduttivo
Dott. Mario GIBERTONI
Ripensare la Leadership, guardare oltre l’orizzonte
Seguirà un dibattito al quale parteciperanno:
Ing. Luigi CAMPELLO – direttore Electrolux S.p.A.
Leadership in un’azienda transnazionale (Paese e potere)
Ing. Giampaolo CENTRONE – dirigente d’azienda
Leadership e cultura del cambiamento: i riflessi in azienda
Ing. Maurizio CINI – presidente Unione industriale di Pordenone
Leadership in un’istituzione
Ing. Helmut KIRCHNER – presidente di Cybertec
Manufacturing forecasting, il vantaggio competitivo
Ing. Franco SCOLARI – direttore del Polo Tecnologico di Pordenone
Il Polo Tecnologico di Pordenone per supportare e promuovere l’innovazione

L’Università degli Studi di Trieste, con la Facoltà di Ingegneria nella sua sede di Pordenone, si è proposta di aderire alle istanze del tessuto industriale del Friuli Occidentale e del Veneto Orientale, istituendo un Master Universitario di primo livello in “Lean Manufacturing” per dare alle aziende nuovi approcci di sistema ed innovativi strumenti e metodologie che aumentino la loro competitività sui mercati mondiali. Il Master Universitario di primo livello in “Lean Manufacturing” (MULM) è finalizzato allo sviluppo di capacità di pianificazione e di gestione delle attività aziendali promuovendone l’efficacia e il coordinamento nell’ambiente competitivo.

Mario GIBERTONI. Nel 1983 ha fondato Studio Base Consulenza. E’ Consulente e Formatore presso importanti Aziende Italiane, Multinazionali e Associazioni di Categoria, svolge e ha svolto la sua attività in Europa, Giappone, Usa, Brasile, Cile e negli Emirati Arabi. E’ inoltre referente scientifico e docente presso la Business School del Sole24Ore, altre Università Italiane (Luiss Management Guido Carli Roma – Università di Trieste ecc.) e collabora con la Madison Executive Education School of Business Americana.

Il dott. Mario GIBERTONI terrà l’intervento introduttivo di questa giornata che celebra la conclusione delle lezioni del corso di Master MULM per l’a.a. 2009-2010 sviluppando il tema in argomento “Ripensare la leadership, guardare oltre l’orizzonte” sui seguenti punti:
- Come trasformare la “turbolenza” attuale in vantaggio competitivo
- I tre focus del cambiamento: Strategia, Organizzazione, Personale
- Liberarsi dalle catene del passato e le grandi ipocrisie Manageriali
- Dalla Qualità Totale alla “Qualità Sostanziale per il cliente”?
- Impariamo dagli errori dei grandi Leader del passato
- Competere nei periodi di turbolenza: seminare per raccogliere?
- Nuovi sistemi per gestire e valutare le risorse Umane

La turbolenza è la nuova normalità, costellata da periodici e intermittenti guizzi di prosperità e di crisi economica, inclusi periodi di crisi che sfociano in pesanti recessioni. La turbolenza genera due effetti principali:
Il primo è la vulnerabilità, contro la quale le imprese hanno bisogno di migliorare le loro armi difensive.
Il secondo è l’opportunità che deve essere colta e sfruttata, l’opportunità si verifica ogni volta che un’azienda conquista nuove quote di mercato.

La nuova normalità economica in futuro non sarà più caratterizzata da un’alternanza più o meno regolare dei cicli economici positivi o sfavorevoli che, in fondo, ha consentito una certa prevedibilità a livello macroeconomico. Ora tutti si aspettano nuove crisi e nuovi dissensi e questo fa crescere il grado di rischio ed di insicurezza generale per le aziende, sia a livello macro che microeconomico.
Oltre alle sfide quotidiane che derivano dall’affrontare uno scenario costantemente competitivo e ai tradizionali cicli economici, ora i Manager dovranno imparare a identificare le interferenze in grado di sconvolgere improvvisamente i loro piani strategici.

In altri termini la turbolenza è la nuova normalità che le aziende dovranno comprendere ed accettare per mettere a punto nuovi approcci e nuove strategie che possono garantire la sopravvivenza dell’azienda negli anni.

Scarica la brochure

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Dello stesso autore o argomento:
Share

About the Author

avatar Contatta la redazione per domande, suggerimenti, segnalazioni. redazione@leanvalley.eu